giovedì 9 ottobre 2014

Tutta colpa di wozzapp

Che la effe abbia un rapporto conflittuale con la tecnologia è cosa risaputa, che sia pigra come un gatto anche. 
Il suo potrebbe essere considerato un rifiuto da aggiornamento, un consapevole tenersi alla larga dalle novità tecnologiche e dalla fatica di stare dietro al continuo cambiamento. Si aggiunge il disinteresse per i social-network in generale e la convinzione che, alla fine, avvicinino persone lontane e allontanino quelle vicine, il che non è sempre un male ma neanche necessariamente un bene. 
Il blog è un'altra cosa...
La effe, però, è anche una donna piena di contraddizioni e, per principio, evita di fare questioni di principio e dice questo mai raramente.   

Sta di fatto che, al di là del necessario account per il blog, non è social, non è smart, non wazzappa, non sta nel gruppo della classe e degli scout di Nina e nemmeno in quello feisbuk del condominio in cui vive, non ha un profilo e nemmeno uno status.
Bene, per questo suo rifiuto a "esserci", si perde parecchi pezzi. Non che sia grave ma disfunzionale sì, soprattutto quando si dimenticano di avvisarla con altri mezzi.
Non ha saputo della festa dell'amichetta di Nina, della riunione scout spostata, delle bagarre a scuola, dei compiti in più e di chissà quante altre cose!
Si è trovata in difficoltà e si è sentita dire Abbiamo mandato il messaggio su wozzapp, ci dispiace. E' vero, non sei nel gruppo. Due volte in tre giorni.
La effe non si scompone, è tranquilla, non casca il mondo. Ma vedere la cucciola dispiaciuta, convinta di non essere stata invitata, di non essere considerata, questo no, le si è stretto il cuore. 
E ha deciso di fare il salto. 
Come un marziano in visita sulla Terra, si è aggirata per negozi di cellulari, ha raccolto informazioni, ha chiesto pareri ad amici tecnologici, ha perfino fatto un giro on-line.
E poi, in due giorni, senza pensarci più, ha aggiunto un piano dati alla sua sim, ha comprato uno smartphone, buono ma non troppo costoso, ha scaricato wozzapp, ha configurato il profilo e ha cominciato a mandar messaggi per dire Ci sono anche io, vedete come sono connessa?, sono moderna, yuhuu!
E via faccine, disegnini, notifiche a pioggia. Per ora si è divertita da matti, poi chissà!
La Nina è felice, orgogliosa che la sua mamma abbia abbandonato la clava per uno smartphone, che si sia modernizzata.
La effe non si sente tanto diversa, però. E' soltanto frastornata, sbanda tra le app, è restia a scaricarle e combina guai col telefono.
La pensa sempre allo stesso modo, tutta colpa di wozzapp!

14 commenti:

  1. Anche io cederò a wozzap, solo per curiosità, ma è come mandare e mail, si usa il numero di telefono invece dell'indirizzo e mail, é un metodo per diventare sempre più pigri e incapaci di scrivere come tutto del resto ormai. Tranne il blog che ti costringe a riflettere prima di scrivere qualcosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta non essere ossessionati e troppo scemi. Quello che si comunica e come lo si fa è sempre nelle nostre mani... la testa la si può usare anche per wozzapp. E poi ci sono dei deisegnini davvero carini!
      Bacetti

      Elimina
  2. Vi convochero' tutti con wozzap (ma non si dice wordzap?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Whatsapp... aspetto la convocazione!
      Baci baci

      Elimina
  3. Hai fatto benissimo! Purtroppo dobbiamo adeguarci, per il bene dei nostri figli che sono super tecnologici: spesso noi non siamo all'altezza e questo è un male, perché non riusciamo a tutelarli da quei mezzi che utilizzano quotidianamente.
    Se conosci bene il nemico puoi sconfiggerlo, no?!
    D'altra parte...inizia a spegnere la suoneria del telefono: whatsapp è un inferno!
    Per questo ce l'ho ma ho delegato l'iscrizione ai vari gruppi al marito...pover' uomo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non sarò così gettonata!
      Mio marito è più arretrato di me : )

      Elimina
  4. Be' se ti può consolare anche io non avevo whatsapp fino all'altro ieri. In compenso io solo supersocial, ho ipad e pc praticamente sempre con me, ma il telefono proprio non lo sopporto. Alla fine ho dovuto cedere quando il mio Squinzio mi ha ceduto il suo vetusto iphone in cambio di uno smartphone più funzionale ma meno cool.

    RispondiElimina
  5. Non ci si puo fermare in queste cose: non ci aspetta nessuno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, questo è certo! Soltanto il buon cuore di qualcuno mi ha tenuto aggiornata in questo periodo.

      Elimina
  6. Ed io che, fino al mese scorso, pensavo di essere una tra le poche rimaste con la clava in mano!! ;-) Di recente, per "cause di forza maggiori" mi sono dovuta convertire anch'io! IO SPERIAMO CHE ME LA CAVO!
    Ps. Sbarcata nel tuo blog per caso, ci tornerò volentieri per leggere gli altri post. Buon pomeriggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non siamo mai così troppo soli... ;)
      Benvenuta e a presto.
      Verrò a fare un salto dalle tue parti!

      Elimina
  7. ahahaha...vedrai...che diventerà una droga...tutta questa tecnologia...;-)
    A parte gli scherzi, è proprio vero: se oggi non si usano i nuovi mezzi di comunicazione, si rischia di essere tagliati fuori.
    Io sono a favorissimo di tutte le nuove tecnologie in generale (diciamo che sostentano me e mio marito dato che lavoriamo nell'ambito dei servizi e della comunicazione online) e so che non ne potrei più fare a meno...:))) ma ammiro la tua determinazione...mi farai sapere...eh...:)))
    Vivy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so che mi divertirò un sacco!
      Comunque mi piace sempre di più la cara vecchia chiacchierata, di persona meglio ma anche al telefono. Sono stata una di quelle che ha fatto guadagnare la SIP... e disperare mia madre!
      Bacetti

      Elimina

lascia qui la tua traccia...