lunedì 14 novembre 2016

Le ricette del cuore #5: la torta al cioccolato

Di quando la tristezza ti prende il cuore.
Ci sono giorni, e non sai perché, in cui il cuore è pesante e le gambe immobili. 
Ci sono giorni in cui la tristezza ti avvolge, senza una causa precisa, ed è un mantello dentro cui sparire.
E ci sono giorni in cui sai esattamente perché stai così e sai anche che devi tirarti fuori da sola, prima di diventare insopportabile, anche a te stessa.

E allora, per spezzare il cerchio nero in cui sei caduta, ti prepari la torta al cioccolato.
Sì, quando la tavoletta di cioccolato da sola non basta, ci vuole proprio una torta, La Torta, col suo profumo avvolgente, il sapore ricco e corposo, con tutti i ricordi belli che porta con sé.
Di ricette ce ne sono tante, l'importante è che nell'impasto ci sia il cioccolato fondente, altrimenti l'effetto non è quello desiderato.
Per me questa torta parla di legami speciali, perché l'amica che mi ha donato la ricetta continua a prepararla per me, sapendo di rendermi felice. 
Parla d'amore materno, perché per i Nini è una festa mangiarla a colazione.
La torta al cioccolato evoca le gioie dell'infanzia, il piacere di stare insieme in famiglia, la dolcezza e il calore dell'amicizia. 
E' una carezza, un abbraccio, una risata bambina.
Scioglie il grumo di tristezza che si è annidato nel cuore, libera la mente dai pensieri e regala un sorriso.
E con la panna montata è ancora più buona.

Mi racconti la tua ricetta scaccia tristezza?

13 commenti:

  1. la mia ricetta? se non è una ricetta di cucina va bene ugualmente?! Io scrivo scrivo scrivo ma, scrivo favole. Quelle che hanno avuto più riscontri positivi sono nate in periodi e momenti di difficoltà psicologica.... mah....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scrivere favole è una ricetta bellissima. Fa bene al cuore e a chi legge.
      Ti abbraccio
      Francesca

      Elimina
    2. Ciao... mi ha sorpresa molto che tu abbia detto che le favole migliori le hai scritte nei momenti di difficoltà. E ti rispondo per via di quel "mah"... sai, Marie Louise Von Franz, allieva di Jung, disse che non si metteva a scrivere se prima non aveva un periodo di tristezza. I momenti difficili, di disagio, e il dolore, sono proprio delle spinte che stanno cercando di portare alla luce quello che c'è in noi

      Elimina
  2. Ci penso Francesca. In questo momento non ho idea e nemmeno voglia di preparare una torta e pensare che mi piace mangiarle... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per la torta arriverà il momento giusto.
      Ti abbraccio forte
      Francesca

      Elimina
  3. Io la preparerei una torta, ma sono a dietaaaaaaaaaa :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una fetta soltanto e poi la regali ;-)
      A presto
      Francesca

      Elimina
  4. Anche io ho fatto un dolce in un giorno di malinconia, e l'ho scritto nel blog! Evviva il cioccolato

    RispondiElimina
  5. Per me, la ricetta scaccia malinconia è quella della torta di mela, magari accompagnata da un bicchiere di latte. Ha il profumo che aveva la casa della bis nonna quando ero bambina e mi scalda il cuore.
    Ti auguro una serena giornata.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona!
      Quando siamo giù, non c'è niente di meglio che immergersi nei profumi e nei ricordi di momenti belli.
      Un abbraccio
      Francesca

      Elimina
  6. In effetti non penso di avere una ricetta scaccia tristezza perchè altrimenti avrei già saccheggiato tutte le pasticcerie della città..
    Quando sono in calo profondo , la mia barretta al cioccolato con le nocciole non manca mai e allora attacco a scrivere, quando abbiamo toccato il fondo..una bella cioccolata calda con panna ..e vai poi sulla bilancia!
    Bacione speciale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cioccolato è un grande alleato, in tutte le forme!
      Ti abbraccio
      Francesca

      Elimina

lascia qui la tua traccia...