mercoledì 2 novembre 2016

Ho piantato dei bulbi stamattina

Ode al gatto morto.

Ho piantato dei bulbi
stamattina

Ho fatto un solco nella 
Terra
Profondo
quanto quello nel mio 
cuore

Li ho ricoperti
e aspetto

In primavera
saranno  fiori
e mi parleranno di
te

Le braccia mi fanno
male
per la fatica
e non penso al
vuoto
che hai lasciato

Le mani hanno il
profumo della
terra
che ora è piena di 
vita 
e piena di
te 

Grazie per quello che hai donato.

La Morte risveglia il dolore delle morti del passato e di quelle che verranno, sempre.

E io cerco di non aver paura.

12 commenti:

  1. Ti sono vicina...anche io cerco di non aver paura! Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' l'unico modo che conosco per esorcizzare la paura.
      Grazie
      un bacio
      Francesca

      Elimina
  2. Risposte
    1. Ode al gatto morto mi sembrava più d'effetto
      Francy

      Elimina
  3. La morte è inevitabile anche se non ne capisco il perché.
    È un ricambio. UN dimostrare che abbiamo imparato quello che ci ha insegnato chi se ne è andato. Persona o animale che sia
    Bacio

    RispondiElimina
  4. Difficile non averne paura. un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provo ad affrontare quel pensiero con uno spirito diverso, ho fatto tanta strada, chissà in futuro.
      Ti abbraccio
      Francesca

      Elimina
  5. Versi bellissimi che danno tanta speranza e tanta forza...spesso mi manca tutto quello che dici, ma vorrei tanto mettere in pratica queste verità!
    Bacio della buona notte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A qualcosa ci si deve pure aggrappare, quando la paura della perdita rischia di prendere il sopravvento e di toglierci la luce sul futuro.
      Che siano ricordi, fiori e sorrisi, che siano bei momenti, canzoni e profumi.
      Andare avanti.
      Ti abbraccio
      Francesca

      Elimina
  6. È bellissima l'immagine del fiore promettente piantato nel solco di un cuore sofferente. La vita è questa.
    Bellissimi versi.
    Un abbraccione.
    Ketty

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vita è questa.
      Grazie Ketty.
      Ti abbraccio anch'io, forte.
      Francesca

      Elimina

lascia qui la tua traccia...